it

Revisione del mercato

Questo articolo non è una consulenza legale.

Piattaforme fintech estere nel mercato indiano

Software di tecnologia finanziaria

L'India non ha un regime normativo progettato per ottenere licenze straniere direttamente da un'altra giurisdizione e utilizzarle in India per fornire servizi finanziari. Le entità estere autorizzate che desiderano fornire servizi regolamentati simili in India devono richiedere separatamente un'autorizzazione appropriata ai sensi della legge indiana applicabile per tali attività. Sebbene in pratica possa essere più facile per le organizzazioni con una licenza valida in alcune giurisdizioni straniere ottenere il permesso appropriato in India. A questo proposito, le politiche di FDI dell'India per i servizi finanziari sono generalmente favorevoli, consentendo generalmente politiche FDI fino al 100 percento sulla rotta automatica (cioè senza l'approvazione del governo indiano) per la maggior parte dei servizi finanziari. che sono regolati da RBI e SEBI, nonché per le attività di intermediari assicurativi. Ciò è soggetto al rispetto delle condizioni prescritte relative alla politica di investimento diretto estero e alle normative del settore.1

Qualsiasi restrizione all'offerta di servizi o prodotti fintech dall'estero senza una presenza fisica o una licenza locale in India dipende in gran parte dal fatto che e in quale misura tali attività siano regolamentate in India. Ad esempio, nell'attuale quadro normativo, molti servizi e prodotti fintech come portafogli di pagamento, piattaforme di prestito peer-to-peer e servizi di consulenza sugli investimenti possono essere forniti solo da persone giuridiche costituite e registrate in India. Allo stesso modo, le entità straniere che offrono servizi di pagamento e regolamento in India devono ottenere l'approvazione preventiva della RBI. I pagamenti e le transazioni transfrontaliere in India sono altamente regolamentati e solo una persona autorizzata da RBI può effettuare transazioni in valuta estera o titoli esteri come dealer autorizzato, ufficio di cambio o unità bancaria offshore. In quanto tale, la giurisdizione di SEBI è limitata ai mercati mobiliari indiani ei servizi forniti agli investitori indiani in relazione ai mercati globali possono essere al di fuori dell'ambito della regolamentazione di SEBI.1

Un'importante questione transfrontaliera per le entità straniere che forniscono servizi fintech in India è l'obbligo di localizzare i dati finanziari per vari servizi su server o apparecchiature situati in India, inclusi fornitori di sistemi di pagamento, intermediari di pagamento e piattaforme di prestito peer-to-peer. Per le transazioni di pagamento transfrontaliere, i dati finanziari possono essere temporaneamente trasferiti all'estero ai fini dell'elaborazione della transazione, ma successivamente dovranno essere cancellati dai sistemi esteri e archiviati solo in India. Questi requisiti limitano inevitabilmente il posizionamento di dati finanziari nel cloud o su un server al di fuori dell'India.1

Una società straniera può anche essere tenuta a rispettare determinate disposizioni dell'Indian Companies Act se ha una "sede di attività" in India (direttamente o tramite un agente), fisicamente o elettronicamente, e svolge qualsiasi attività commerciale in India . . Inoltre, il regolamento sulla protezione dei consumatori recentemente modificato dall'India, vale a dire il Consumer Protection Act 2019 e il Consumer Protection (E-Commerce) Regulations 2020, include disposizioni specifiche sull'"e-commerce", che include sostanzialmente l'acquisto o la vendita di beni o servizi. compresi i prodotti digitali su reti digitali o elettroniche. Queste regole si applicano anche alle società di e-commerce straniere che non sono registrate in India ma offrono "sistematicamente" beni o servizi ai consumatori in India, anche in relazione a servizi bancari, finanziari e assicurativi.1

Il governo indiano ha recentemente sviluppato un quadro normativo per l'istituzione di centri di servizi finanziari internazionali (IFSC) in India sotto la giurisdizione di un unico organismo di regolamentazione (vale a dire l'Autorità dei centri di servizi finanziari internazionali (IFSCA)) per allineare l'India con i centri finanziari globali e per attirare investitori stranieri. Gli IFSC sono stati concepiti come zone economiche speciali e centri finanziari situati in India.1

Di recente, le società fintech in India sono state sottoposte a controllo giudiziario in ordini di tribunali e contenziosi di interesse pubblico per questioni quali la violazione dei requisiti di autorizzazione, la localizzazione dei dati e l'uso improprio dei dati. Le petizioni generalmente richiedono un intervento giudiziario per vietare alle società fintech di operare in India senza una presenza locale e regolatori diretti per sviluppare un quadro giuridico più completo e più rigoroso per le società tecnologiche e di e-commerce che operano nel settore finanziario indiano.1

Fintech in India

Fintech in altri paesi

Appunti
  1. https://thelawreviews.co.uk/title/the-financial-technology-law-review/india
Offerta per le startup

Inizio rapido per $ 5K

Puoi avviare la tua piattaforma pagando inizialmente $ 5000 e il resto dopo 6-12 mesi se la tua attività cresce