it

Revisione del mercato

Questo articolo non è una consulenza legale.

Criptovalute in Spagna

Software di tecnologia finanziaria

Nel gennaio 2022, la Spagna ha stabilito regole che disciplinano la modalità di pubblicazione delle criptovalute. Tra le altre cose, queste regole richiedono ai fornitori di servizi di criptovalute e ad alcune altre entità e individui di informare CNMV delle campagne promozionali di criptovalute rivolte a più di 100.000 investitori con 10 giorni di anticipo e includono dichiarazioni di non responsabilità sui rischi che le risorse rappresentano. Inoltre, questo regolamento stabilisce i principi e le regole applicabili ai materiali di marketing relativi alle risorse crittografiche. A parte questo, nessuno specifico quadro normativo disciplina la commercializzazione di prodotti e servizi fintech (ad eccezione della Legge 5/2015), quindi tali soggetti devono rispettare la normativa di marketing applicabile a qualsiasi altra azienda. Oltre alla legge spagnola sui consumatori, che stabilisce alcuni principi di marketing, e alla legge sulla pubblicità generale, altre disposizioni sulla pubblicità applicabili sono incluse nelle leggi spagnole sul commercio elettronico e sul marketing a distanza per i servizi finanziari.1

In Spagna non esiste una regolamentazione specifica della tecnologia blockchain, delle criptovalute o dell'emissione di token. Tuttavia, le autorità di regolamentazione europee e spagnole valutano questi prodotti da diversi anni e hanno adottato alcune misure per regolamentarli.1

Il 24 settembre 2020, la Commissione europea ha pubblicato una proposta di regolamento sui mercati delle criptovalute (MiCA), che fa parte di una più ampia serie di pubblicazioni sulla strategia di finanza digitale europea. MiCA si applicherà a qualsiasi entità che fornisce servizi di criptovalute o emette criptovalute in o all'interno dell'Europa. Ciò si applicherà anche a qualsiasi risorsa crittografica che non sia ancora soggetta alla regolamentazione dell'UE. Ciò includerà utility token, token di pagamento, stablecoin (o token asset-linked) e il token di moneta elettronica di nuova definizione (un token che non è moneta elettronica in senso tradizionale, ma ha tutte le caratteristiche della moneta elettronica tradizionale ). . Ciò non si applicherà ai token di sicurezza che sono già soggetti alle attuali normative UE. Inoltre, non si applicherà alle valute digitali delle banche centrali, ma impone requisiti significativi su stablecoin significative (Global Stablecoin (GSC)). Questa sembra essere l'ennesima mossa normativa per garantire che le banche centrali mantengano il controllo della politica monetaria e si prendano cura dei rischi percepiti dall'SGC.1

MiCA definisce un emittente di criptovalute come qualsiasi "persona che offre criptovalute a terzi", che è una definizione intenzionalmente ampia. Tutti gli emittenti dovranno soddisfare una serie di requisiti generali, con requisiti più severi per gli emittenti di stablecoin (o token asset-linked) e token di moneta elettronica (token di pagamento).1

Tuttavia, il MiCA è ancora in fase di proposta e deve passare attraverso il processo legislativo dell'UE. Nel corso del 2021 diverse organizzazioni europee come la BCE, il Comitato economico e sociale europeo e l'ispettore europeo per la protezione dei dati hanno pubblicato i loro pareri sulla proposta. Il 24 novembre 2021 il Consiglio europeo ha approvato la sua posizione su questa proposta. L'ultima bozza ha ritardato l'entrata in vigore del MiCA fino al 2024.1

L'ESMA ha rilasciato due annunci sull'ICO. Inoltre, CNMV e BoS hanno messo in guardia le aziende e gli investitori sulle regole e sui rischi inerenti a ICO, criptovalute e token. Il loro ultimo comunicato stampa congiunto sui rischi dell'investimento in criptovalute è stato pubblicato nel febbraio 2021. Allo stesso modo e come accennato in precedenza, CNMV disciplina la pubblicità di criptoattività a fini di investimento (tramite la Circolare 1/2022).1

Il BoS ha creato un registro dei fornitori di cambio valuta virtuale e fiat e dei fornitori di portafogli di custodia in linea con il recepimento spagnolo della quinta direttiva antiriciclaggio (AML). Questi fornitori, che hanno dovuto registrarsi presso il BoS entro il 29 gennaio 2022, sono ora soggetti ai requisiti stabiliti nel regime legale spagnolo in materia di antiriciclaggio.1

Per quanto riguarda il trattamento fiscale delle criptovalute e dei token in Spagna, non esiste una risposta chiara, sebbene la Corte di giustizia europea (CGUE) e le autorità fiscali spagnole abbiano fornito indicazioni specifiche.1

Per quanto riguarda l'IVA spagnola, la sentenza della Corte di giustizia europea del 22 ottobre 2015 (C-264/14) ha stabilito che le transazioni che utilizzano valute non tradizionali come le criptovalute sono esenti da IVA ai sensi dell'articolo 135, paragrafo 1, lettera e), del la Direttiva del Consiglio 2006/. 112/CE. Pertanto, secondo la Corte di giustizia europea, le transazioni di vendita e acquisto di criptovalute effettuate da soggetti soggetti all'imposta sul valore aggiunto dovrebbero essere esenti dall'IVA spagnola. Al contrario, le attività di "mining" per creare una criptovaluta non dovrebbero essere soggette a IVA. Entrambi i criteri sono stati separati anche dalle autorità fiscali spagnole in specifici ruling fiscali obbligatori, che hanno anche confermato che le attività di scommesse sono soggette all'IVA ma ne sono esenti se svolte da soggetti soggetti all'imposta sul valore aggiunto.1

Per le persone fisiche fiscalmente residenti in Spagna che detengono criptovalute, e in conformità con specifiche normative vincolanti emanate dall'Agenzia delle Entrate nel 2018, devono essere trattati i redditi derivanti dalla vendita o dal trasferimento di criptovalute (comprese quelle ottenute dallo scambio di un tipo di criptovaluta con un altro) come aumento di capitale in termini di tassazione in Spagna e dovrebbe essere tassato di conseguenza. Attività specifiche legate alle criptovalute (ad esempio, mining) possono avere un regime fiscale diverso e potenzialmente essere trattate come attività commerciale ai fini fiscali in Spagna (imposta sul reddito, imposta sulle imprese, ecc.). Le autorità fiscali spagnole stanno attualmente emanando sentenze vincolanti in merito al regime fiscale relativo alle criptovalute in relazione ad altre tasse come l'imposta sul patrimonio o sulle donazioni.1

La Spagna ha adottato alcune misure per prevenire le frodi fiscali legate alle criptovalute. A questo proposito, le società che gestiscono criptovalute, così come le piattaforme di scambio, sono tenute a fornire determinate informazioni sull'identità dei titolari e sulle transazioni. I residenti in Spagna con criptovalute detenute all'estero sono tenuti a compilare il modulo 721; questo requisito dovrebbe essere approvato a breve.1

Inoltre, negli ultimi mesi sono entrate in vigore recenti modifiche normative, come una nuova disciplina su alcuni aspetti dei servizi fiduciari digitali (Legge 6/2020) o norme di sicurezza informatica (Regio Decreto 43/2021). Inoltre, il riconoscimento in Spagna di specifici diritti digitali viene attualmente rafforzato attraverso alcune iniziative come la proposta di una Carta spagnola dei diritti digitali, che dovrebbero essere tutte prese in considerazione per il loro impatto sul quadro giuridico fintech. Infine, si prevede che una grave interruzione nel settore finanziario globale sarà causata da tecnologie contabili come la blockchain. Sebbene questo tipo di tecnologia non sia ancora ampiamente adottato, la Spagna dovrebbe vederlo in molte aree oltre alla sicurezza informatica e alle criptovalute.1

Valute virtuali in Spagna

Fintech in Spagna

Fintech in altri paesi

Ti presentiamo

Avvocati in Tecnologie Finanziarie in Spagna

Viacheslav Losev

Viacheslav Losev

Supporto legale per progetti FinTech e Blockchain

Le lingue: EN RU

Appunti
  1. https://thelawreviews.co.uk/title/the-financial-technology-law-review/spain
Offerta per le startup

Inizio rapido per $ 5K

Puoi avviare la tua piattaforma pagando inizialmente $ 5000 e il resto dopo 6-12 mesi se la tua attività cresce