it

Revisione del mercato

Questo articolo non è una consulenza legale.

Piattaforme fintech estere nel mercato tedesco

Software di tecnologia finanziaria

Come regola generale, le normative tedesche si applicano a tutti i fornitori di servizi che operano in Germania. Ciò significa che le regole, in particolare l'obbligo di licenza, si applicano non solo se il prestatore di servizi ha una sede legale in Germania, ma anche se si rivolge attivamente al mercato tedesco transfrontaliero.1

La disponibilità netta di servizi rilevanti via Internet in Germania può essere considerata sufficiente per suggerire che il fornitore di servizi si rivolge attivamente al mercato tedesco. Le regole si applicano se il rispettivo fornitore di servizi presume che il servizio sarà utilizzato da clienti tedeschi tra utenti di nazionalità diverse. Se un fornitore di servizi mantiene il proprio sito Web in tedesco, questo è considerato un forte indizio di un targeting attivo del mercato tedesco.2

Tuttavia, quando si tratta di fornitura transfrontaliera di servizi regolamentati, il privilegio di notificare alle autorità di regolamentazione tedesche le licenze esistenti dello Stato membro di origine all'interno del SEE può costituire un'eccezione a questa regola generale, che a prima vista può sembrare molto rigida. Il "passaporto" europeo è stato introdotto per molti servizi regolamentati come alcune tipologie di attività bancarie, servizi di investimento come specificato nell'allegato 1 della MiFID II, servizi di pagamento e, più recentemente, tramite ECSPR, servizi di crowdfunding. Se un fornitore di servizi è autorizzato nel suo Stato membro SEE di origine, può notificare alla sua autorità di vigilanza competente la sua intenzione di offrire servizi regolamentati anche in Germania. In generale, un fornitore di servizi può avviare un'attività regolamentata senza una licenza separata in Germania, su base transfrontaliera o tramite una succursale, non appena l'autorità di vigilanza competente nello Stato membro di origine informa BaFin, che successivamente conferma che il fornitore di servizi può iniziare in Germania. In questo scenario, l'autorità di vigilanza nello Stato membro di origine è generalmente responsabile della vigilanza del prestatore di servizi in Germania, fatti salvi alcuni poteri residui di BaFin e della Banca federale tedesca. Dopo l'uscita del Regno Unito dall'UE (e la fine del periodo di transizione il 31 dicembre 2020), le società fintech britanniche autorizzate non possono più utilizzare il passaporto dell'UE per offrire i propri servizi in altri Stati membri (e viceversa). ) e generalmente deve stabilire una filiale in Germania o in un altro Stato membro dell'UE per ottenere una licenza e conformarsi alle normative dell'UE, sostanzialmente come qualsiasi stabilimento autorizzato di un paese terzo.3

Un'altra opportunità per le società fintech di accedere al mercato tedesco senza richiedere una licenza è collaborare con un fornitore di servizi autorizzato, di solito una banca. Queste attività sono entità "white label" in cui l'entità regolamentata (shell bank) concede effettivamente la propria licenza commerciale a una terza parte. A tal fine, il terzo deve subordinare la propria attività alla direzione della banca, impartendo istruzioni e diritti di controllo alla banca, che, ai fini regolamentari, è responsabile dei servizi regolati.2

Fintech in Germania

Fintech in altri paesi

Ti presentiamo

Avvocati in Tecnologie Finanziarie in Germania

Viacheslav Losev

Viacheslav Losev

Supporto legale per progetti FinTech e Blockchain

Le lingue: EN RU

Appunti
  1. http://www.bafin.de/SharedDocs/Veroeffentlichungen/EN/Merkblatt/mb_050401_grenzueberschreitend_en.html
  2. https://thelawreviews.co.uk/title/the-financial-technology-law-review/germany
  3. http://www.bafin.de/EN/Aufsicht/BankenFinanzdienstleister/Passporting/Kreditinstitute/kreditinstitute_node_en.html
Offerta per le startup

Inizio rapido per $ 5K

Puoi avviare la tua piattaforma pagando inizialmente $ 5000 e il resto dopo 6-12 mesi se la tua attività cresce