it

Revisione del mercato

Questo articolo non è una consulenza legale.

Crowdfunding in Germania

Software di tecnologia finanziaria

Soluzioni di finanziamento innovative e modelli di business relativi ai servizi di pagamento sono aree tipiche in cui le società fintech operano in Germania. Le autorità di regolamentazione cercano da diversi anni di trovare una posizione sugli schemi di investimento collettivo, equilibrando la regolamentazione per proteggere gli investitori, in particolare gli investitori al dettaglio, e consentendo soluzioni innovative che possono servire anche gli interessi degli investitori al dettaglio. In definitiva, sia il legislatore dell'UE che quello tedesco sono giunti alla conclusione che i requisiti normativi applicabili ai modelli di business di investimento in generale (soggetti a privilegi limitati) si applicano anche agli organismi di investimento collettivo. Allo stesso modo, per i mercati digitali in generale, i legislatori tedeschi e BaFin applicano il principio neutrale dal punto di vista tecnologico di "stesso business, stesso rischio, stessa regolamentazione". Pertanto, l'esatto ambito dei requisiti applicabili, in particolare la valutazione se un requisito di licenza può essere attivato ai sensi del KWG o del WpIG, di solito richiede un'analisi approfondita del modello di business specifico e deve essere considerato caso per caso base. - fondo cassa.1

Nel campo del crowdfunding, nell'ottobre 2020 il legislatore dell'UE ha adottato un regolamento paneuropeo che istituisce un regime normativo completo per i fornitori di servizi di crowdfunding dell'UE per le imprese, ECSPR, che è diventato direttamente applicabile in tutti gli Stati membri dell'UE come standard unico dell'UE. per il crowdfunding di credito ed equity da novembre 2021.1

Se le normative si applicano al prestito peer-to-peer e, in caso affermativo, quali, dipende dal modello di business specifico. Il crowdfunding basato sulle donazioni degli investitori a sostegno di un progetto speciale (sponsorizzazione della folla) non è generalmente soggetto a regolamentazione finanziaria. Se, tuttavia, l'investitore riceve un vantaggio finanziario dal suo investimento; ad esempio, partecipando agli utili futuri di un progetto (crowdinvesting) o ricevendo un rimborso con o senza interessi (crowdlending), si applicano regole speciali. Queste regole possono essere suddivise in quelle soggette a leggi di vigilanza, leggi a tutela dei consumatori e leggi sui mercati dei capitali. Dal 10 novembre 2021 verrà applicato un trattamento speciale per i fornitori di servizi di crowdfunding in conformità con l'ECSPR e le disposizioni pertinenti della legge tedesca.2

Il prestito peer-to-peer sotto forma di crowdfunding o crowdlending può avere implicazioni ai sensi delle leggi sulla supervisione finanziaria per il prestatore, il mutuatario e la piattaforma. Il problema principale è legato ai possibili requisiti di licenza. In particolare, è necessario tenere conto dell'obbligo di licenza per l'attività di prestito. Un requisito di licenza sorge se il creditore agisce per scopi commerciali o in un modo che richiede un'attività commerciale. È sufficiente se il prestatore intende impegnarsi ripetutamente in attività di credito a scopo di lucro.3

Anche l'assunzione di depositi a fini commerciali o su una scala che richieda un'attività commerciale è soggetta a licenza. Questi requisiti possono diventare rilevanti per tutte le parti coinvolte; ad esempio, una piattaforma se detiene fondi forniti da prestatori fino a quando i fondi non vengono trasferiti a uno o più mutuatari. Se la piattaforma svolge questa funzione e trasferisce fondi dagli investitori ai mutuatari, la piattaforma potrebbe anche essere soggetta a licenza ai sensi dello ZAG per fornire servizi di pagamento. Il requisito di licenza ai sensi del KWG può anche diventare rilevante per gli investitori che forniscono fondi a uno o più mutuatari. Anche i mutuatari possono essere soggetti a licenza per gestire un'attività di raccolta di depositi quando ricevono fondi dalla piattaforma o dagli investitori.1

Dati questi vincoli normativi, i modelli di business dei prestiti peer-to-peer in Germania in genere coinvolgono una banca di facciata autorizzata a prestare e accettare depositi. In questi modelli, la banca trasferente concede prestiti ai mutuatari e la banca rifinanzia i prestiti vendendo le richieste di rimborso che ne derivano a una piattaforma per la vendita successiva agli investitori o direttamente agli investitori che alla fine ricevono un requisito di rimborso nei confronti del mutuatario. Le diverse operazioni commerciali tra le parti coinvolte relative alla concessione del credito sono interdipendenti per mezzo di presupposti. Pertanto, la banca è obbligata a prorogare il prestito solo se gli investitori si sono impegnati a fornire fondi sufficienti per acquistare le richieste di rimborso derivanti dal prestito. La piattaforma, che di solito è una società fintech, funge da intermediario in questo modello, collegando investitori e mutuatari.1

Questa struttura di solito non è critica per gli investitori, poiché ricevono solo un requisito di rimborso, che non è soggetto a licenza, a condizione che l'acquisizione non avvenga nell'ambito di un accordo quadro. In quest'ultimo caso, potrebbe essere necessario autorizzare lo svolgimento dell'attività di factoring. Per i mutuatari, anche questo modello non è un problema. Potresti pensare se sono nel settore dei depositi. Tuttavia, ai sensi del diritto tedesco, è generalmente accettato che l'assunzione di prestiti da una banca autorizzata non costituisca l'assunzione di depositi. In questo modello, la banca di fronte ha le licenze necessarie, quindi resta da chiedersi se la piattaforma stia svolgendo attività commerciali in conformità con i requisiti della licenza.1

Da novembre 2021, i fornitori di servizi di crowdfunding nell'UE sono soggetti a un regime normativo unico stabilito nell'ECSPR. Il concetto chiave dell'ECSPR è il "servizio di crowdfunding", definito come l'allineamento degli interessi degli investitori e dei project owner nel finanziamento di un'impresa attraverso l'utilizzo di una piattaforma di crowdfunding e consistente nell'agevolare l'erogazione di prestiti o collocamenti senza un fermo impegno, come indicato in MiFID II, sui valori mobiliari e gli strumenti eleggibili ai fini del crowdfunding emessi da titolari di progetti o società veicolo, nonché l'accettazione e la trasmissione degli ordini dei clienti in relazione a tali valori mobiliari e strumenti ammissibili ai fini del crowdfunding.1

Non rientrano nell'ambito dell'ECSPR:

  • servizi di crowdfunding forniti ai proprietari di progetti che sono consumatori (i prestiti al consumo sono già soggetti a un regime normativo separato ai sensi della direttiva sul credito al consumo);
  • servizi relativi a servizi di crowdfunding erogati in conformità alla normativa nazionale; così come
  • proposte di crowdfunding con soglia superiore a 5 milioni di euro calcolata su 12 mesi. 1

Di conseguenza, il regolamento UE sul prospetto è stato modificato di conseguenza in modo che l'obbligo di pubblicazione di un prospetto non si applichi a un'offerta pubblica di titoli da un fornitore di servizi di crowdfunding autorizzato ai sensi dell'ECSPR, a condizione che non superi la soglia di cui sopra. Nel WpPG tedesco è stata inclusa una corrispondente disposizione esplicativa relativa all'esenzione ai sensi del regolamento UE sui prospetti.1

Ai sensi dell'ECSPR, i fornitori di servizi di crowdfunding devono richiedere un'autorizzazione all'autorità di vigilanza nazionale nel loro Stato membro dell'UE e devono essere registrati presso il registro dell'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA), che include tutte le piattaforme di crowdfunding attive. L'ECSPR stabilisce requisiti uniformi per la fornitura di servizi di crowdfunding, inclusi requisiti prudenziali (le garanzie sono in genere di almeno € 25.000), una gestione efficiente e sana, requisiti minimi di due diligence per i proprietari di progetti da offrire sulla piattaforma di crowdfunding e requisiti. occuparsi di reclami e conflitti di interesse. L'ESMA ha pubblicato 12 progetti di standard tecnici di regolamentazione ai sensi dell'ECSPR su questioni quali la gestione dei reclami, il conflitto di interessi, la richiesta di autorizzazione, le informazioni chiave sugli investimenti e gli obblighi di informazione e segnalazione, che sono attualmente in fase di consultazione.1

L'ECSPR dovrebbe facilitare lo sviluppo di piattaforme di crowdfunding e la fornitura di servizi di crowdfunding transfrontalieri. Resta da vedere come l'ECSPR avrà un impatto sul business del crowdfunding in futuro.1

La Germania, come il resto dell'Unione Europea, ha normative sulla protezione dei consumatori relativamente rigide. Questo vale anche per i prestiti al consumo. Pertanto, un contratto diretto tra un prestatore e un mutuatario mediato da una piattaforma di prestito peer-to-peer impone obblighi informativi di vasta portata al prestatore ai sensi della sezione 491 e segg. BGB a condizione che il prestatore agisca per scopi commerciali e il mutuatario sia un consumatore. Considerando la struttura tipica delle piattaforme di prestito peer-to-peer in Germania, la banca avanzata implementata nella struttura deve solitamente adempiere a questi obblighi.1

Inoltre, dato che le piattaforme di prestito peer-to-peer di solito offrono i propri servizi online, è opportuno prendere in considerazione le normative a tutela dei consumatori delle vendite a distanza (Sezione 312a e segg. BGB). Queste regole si basano sul diritto dell'UE e in generale non dovrebbero differire tra gli Stati membri dell'UE.1

Banche in Germania

Fintech in Germania

Fintech in altri paesi

Ti presentiamo

Avvocati in Tecnologie Finanziarie in Germania

Viacheslav Losev

Viacheslav Losev

Supporto legale per progetti FinTech e Blockchain

Le lingue: EN RU

Appunti
  1. https://thelawreviews.co.uk/title/the-financial-technology-law-review/germany
  2. http://www.bafin.de/EN/Aufsicht/FinTech/Crowdfunding/crowdfunding_artikel_en.html
  3. http://www.bafin.de/SharedDocs/Veroeffentlichungen/DE/Merkblatt/mb_070514_kreditvermittlungsplattform.html
Offerta per le startup

Inizio rapido per $ 5K

Puoi avviare la tua piattaforma pagando inizialmente $ 5000 e il resto dopo 6-12 mesi se la tua attività cresce