it

Revisione del mercato

Questo articolo non è una consulenza legale.

Risorse digitali a Hong Kong

Software di tecnologia finanziaria

Il Regime Voluntary Licensing per il VATP (Voluntary Licensing Regime) è stato introdotto dalla SFC in conformità con il suo Position Statement: Regulation of the Virtual Asset Trading Platform (Position Statement) pubblicato il 6 novembre 2019. La SFC ha confermato in un Position Paper che gli operatori VATP che commerciano solo in asset virtuali non di sicurezza non sono considerati impegnati in una "attività regolamentata" ai fini dell'OFS e che tali operatori di piattaforma non sono idonei a richiedere un Licenza SFC ai sensi del Regime di Licenze Volontarie. Tuttavia, se il gestore della piattaforma decide di "accettare" i poteri regolamentari della SFC offrendo sulla propria piattaforma almeno un token di sicurezza, la SFC sarà autorizzata a concedere licenze di Tipo 1 (negoziazione di titoli) e Tipo 7 (fornitura automatizzata servizi di negoziazione) attività regolamentata. L'SFC adotterà un approccio olistico in base al quale "l'infrastruttura, l'adeguatezza sottostante, la correttezza e la condotta" di tutte le transazioni commerciali di VA (indipendentemente dal fatto che le VA siano negoziate come titoli o meno) sono trattate come un'unica entità e soggette alla supervisione di SFC.1

Se la SFC decide di concedere licenze (Tipi 1 e 7) a un Operatore VATP (Operatore con licenza VATP), imporrà determinate condizioni di licenza che sono stabilite nei termini e condizioni allegati al Position Paper. Un operatore VATP autorizzato è inoltre tenuto a rispettare tutti gli altri requisiti normativi stabiliti nel Codice di condotta SFC e le linee guida, le circolari e le FAQ pubblicate di volta in volta dall'SFC.1

Tuttavia, questo regime di licenza volontaria ai sensi della posizione potrebbe essere potenzialmente integrato dal regime di licenza obbligatoria stabilito nei pareri consultivi pubblicati dal Financial Services and Treasury Bureau (FSTB) nel maggio 2021. Sono stati pubblicati dopo consultazione pubblica. tenutasi tra il 3 novembre 2020 e il 31 gennaio 2021 su varie proposte legislative per migliorare la regolamentazione contro il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo a Hong Kong, inclusa una proposta per introdurre un nuovo regime di licenza per i fornitori di servizi di asset virtuali (VASP) ai sensi dell'AMLO. In base a questo nuovo regime di licenza per VASP (PVVA Licensing Regime), una persona che conduce un "Virtual Asset Exchange", ovvero VATP, che entra in possesso, controllo, potere o possesso di denaro o asset virtuali dovrà presentare domanda. per una licenza da SFC (licenza VASP). Le piattaforme di trading peer-to-peer, nella misura in cui le transazioni effettive sono condotte al di fuori della piattaforma e la piattaforma non effettua transazioni sottostanti acquisendo denaro o asset virtuali in un dato momento, non saranno considerate uno scambio di asset virtuali ai sensi questa definizione. Allo stesso modo, le transazioni OTC non saranno soggette al regime di licenza VASP, almeno inizialmente.1

Il 28 gennaio 2022, la SFC e l'HKMA hanno pubblicato una circolare congiunta sulle attività degli intermediari di asset virtuali (circolare congiunta) che delinea il loro quadro normativo aggiornato in merito alla distribuzione di prodotti relativi ai servizi di negoziazione e alla fornitura di servizi di consulenza sugli asset virtuali. Solo gli intermediari autorizzati o registrati per attività regolamentate di Tipo 1 (transazioni su titoli) possono fornire servizi di negoziazione di asset virtuali se collaborano con VATP con licenza SFC. Inoltre, gli intermediari possono offrire questi servizi di gestione patrimoniale virtuale solo a clienti esistenti che sono investitori professionali.1

La sezione 103 dell'OFS vieta la pubblicità di offerte e inviti a partecipare a organismi di investimento collettivo (CIS) a meno che non si applichi una delle eccezioni applicabili al requisito del prospetto e all'autorizzazione SFC di cui alla sezione II. L'OIC è definito nel paragrafo (d) della definizione di "titoli" nell'Allegato 1 dell'OFS, che include le partecipazioni in OIC. La CSI è un prodotto di investimento collettivo la cui definizione abbraccia e modernizza i concetti di fondi comuni di investimento, società di fondi comuni di investimento e accordi di investimento. La definizione nell'appendice 1 può essere ridotta a un test più conciso in quattro parti di ciò che è tipicamente richiesto per il CIS:

  1. contratto di proprietà;
  2. i partecipanti al programma non hanno il controllo quotidiano sulla gestione della proprietà;
  3. l'immobile è gestito nella sua interezza da o per conto del soggetto che esercita l'attività, ovvero si sommano i contributi dei partecipanti e gli utili o proventi da cui si ricavano i versamenti; così come
  4. lo scopo dell'accordo è che i partecipanti partecipino o ricevano profitti, entrate o altri proventi dall'acquisizione e dalla gestione della proprietà. 1

    Pertanto, se un prodotto è di interesse nella CSI, rientra anche nella definizione di "titoli" ed è soggetto a tutti i requisiti di licenza per un'attività in titoli regolamentata nell'ambito dell'OFS.1

    Il 27 marzo 2020, l'IRD ha pubblicato i suoi Institutional Clarifications and Practice Notes (DIPN) n. 39 che delineano il suo approccio a varie risorse digitali. L'IRD tratta i token in modo diverso a seconda della funzione dei token, non del modo in cui sono contrassegnati. Divide le risorse digitali in tre tipi: token di pagamento, token di sicurezza e token di utilità. Sebbene DIPN abbia fornito alcune indicazioni sulla gestione delle risorse digitali, una serie di questioni rimangono poco chiare che richiedono ulteriori chiarimenti da parte dell'IRD (ad esempio, se il trasferimento di token di sicurezza comporta un'imposta di bollo obbligatoria).1

    Qualsiasi entità che venda e distribuisca token di sicurezza (sia a Hong Kong sia rivolti a investitori di Hong Kong) deve essere autorizzata o registrata per un'attività regolamentata di Tipo 1 (negoziazione di titoli) nell'ambito dell'SFO. Attualmente, è consentito solo il marketing per investitori professionali.1

    La SFC e l'HKMA hanno pubblicato una circolare congiunta nel gennaio 2022 che delinea il loro quadro normativo aggiornato in merito alla distribuzione di prodotti correlati al VA e alla fornitura di servizi di consulenza e gestione del VA. La circolare congiunta fornisce la necessaria chiarezza sul quadro normativo di Hong Kong per le attività di VA. È importante notare che la circolare congiunta afferma chiaramente che alcuni prodotti derivati limitati relativi ad attività virtuali negoziate su borse regolamentate possono essere offerti agli investitori al dettaglio. Nel gennaio 2022, l'HKMA ha emesso una circolare in cui afferma chiaramente che non intende vietare agli istituti autorizzati di investire, prestare o consentire ai propri clienti di utilizzare carte di credito o altri servizi di pagamento per l'acquisto di risorse virtuali, a condizione che siano effettuati adeguati controlli sulla gestione del rischio adottato. Insieme, la circolare congiunta e la circolare HKMA potrebbero essere il primo passo per aprire una piccola porta affinché i prodotti relativi alle risorse virtuali entrino nell'economia tradizionale e diventino parte della vita quotidiana delle persone a Hong Kong.1

    Smart contract a Hong Kong

    Fintech a Hong Kong

    Fintech in altri paesi

    Appunti
    1. https://thelawreviews.co.uk/title/the-financial-technology-law-review/hong-kong
Offerta per le startup

Inizio rapido per $ 5K

Puoi avviare la tua piattaforma pagando inizialmente $ 5000 e il resto dopo 6-12 mesi se la tua attività cresce