it

Revisione del mercato

Questo articolo non è una consulenza legale.

Valute virtuali a Hong Kong

Software di tecnologia finanziaria

Secondo l'Advisory Opinion pubblicato dall'FSTB nel maggio 2021, per "asset virtuale" si intende una rappresentazione digitale del valore che:

  1. espresso come unità di conto o riserva di valore economico;
  2. funziona (o è destinato a funzionare) come mezzo di scambio accettato dal pubblico come pagamento di beni o servizi, o per estinguere debiti, o per scopi di investimento; così come
  3. possono essere trasferiti, archiviati o venduti elettronicamente. 1

Tuttavia, non si applica alle rappresentazioni digitali di valute fiat (comprese le valute digitali emesse dalle banche centrali), alle attività finanziarie già regolamentate dall'OFS o ad alcune poste soggette a restrizioni a circuito chiuso.1

Nella sua dichiarazione del 5 settembre 2017, la SFC ha delineato tre tipi di condizioni e caratteristiche dei token digitali negli ICO (un altro termine per la vendita di token), che possono essere titoli:

  1. i token possono essere considerati "azioni" se rappresentano azioni o interessi di una società; ad esempio, quando ai titolari di token vengono concessi diritti di azionista, compreso il diritto a ricevere dividendi e il diritto di partecipare alla distribuzione delle attività aziendali in eccesso al momento della liquidazione;
  2. token possono essere considerati "debiti" quando i token digitali vengono utilizzati per creare o riconoscere un debito o un'obbligazione dell'emittente; ad esempio, l'emittente può pagare ai titolari di token l'importo capitale del loro investimento a una data fissa oa scadenza con gli interessi pagati ai titolari di token; così come
  3. token possono essere considerati azioni in CIS se i ricavi dei token sono gestiti collettivamente dall'operatore dello schema ICO per investire in progetti al fine di consentire ai titolari di token di condividere le entrate generate dai progetti. 1

Il 28 marzo 2019, la SFC ha rilasciato una dichiarazione in cui riafferma il suo approccio agli asset virtuali che rientrano nella definizione di "titoli" nell'ambito dell'OFS (token di sicurezza) e conferma che la commercializzazione e la distribuzione dei token di sicurezza deve essere effettuata da una persona. abilitati o registrati per svolgere attività regolamentate di Tipo 1 (operazioni con titoli) (intermediari di Tipo 1). La SFC fa molto affidamento sugli intermediari di tipo 1 per far rispettare i suoi codici di condotta esistenti e le sue nuove linee guida, nonché altre leggi e regolamenti, per garantire che gli acquirenti di token di sicurezza siano completamente protetti, tra cui: limitare l'offerta di token di sicurezza agli investitori professionali solo; condurre un'accurata due diligence dei token di sicurezza, del suo team, dell'asset che supporta i token di sicurezza e di tutto il materiale relativo ai token di sicurezza; fornendo tutte le informazioni all'acquirente in forma chiara e comprensibile. La SFC ha sottolineato la necessità di rispettare i requisiti di idoneità di cui al paragrafo 5.2 del Codice di condotta SFC, nonché i requisiti per i "prodotti complessi" di cui al paragrafo 5.5 del Codice di condotta SFC, entrato in vigore il 6 luglio 2019 . (Modalità di prodotti complessi).1

La SFC ha anche evidenziato i requisiti chiave della sua circolare per la distribuzione di fondi di asset virtuali agli intermediari del 1° novembre 2018 (che si applica ugualmente alle distribuzioni di token di sicurezza):

  • i token di sicurezza devono essere offerti solo a soggetti che si qualificano come "investitori professionali" ai sensi dell'OFS e delle regole sui titoli e sui future (investitore professionale);
  • gli intermediari che distribuiscono token di sicurezza devono comprendere le offerte di token di sicurezza (STO) e condurre un'adeguata due diligence, coprendo il background e la solidità finanziaria della gestione, dei team di sviluppo e degli emittenti di token di sicurezza, nonché i diritti connessi alle attività sottostanti dei token di sicurezza . I rivenditori dovrebbero anche esaminare i documenti ufficiali e i materiali di marketing relativi alle STO; così come
  • Gli intermediari devono fornire ai clienti informazioni relative a STO in modo chiaro e comprensibile e devono fornire ai clienti dichiarazioni di avvertimento evidenti in merito ai potenziali rischi associati alle risorse virtuali. Questi potenziali rischi includono i rischi di liquidità insufficiente, volatilità, prezzi non trasparenti, pirateria informatica e frode. 1

Ai token di sicurezza si applica anche la circolare congiunta SFC e HKMA del 28 gennaio 2022, che definisce un quadro normativo aggiornato su questioni quali la distribuzione di prodotti correlati a VA e la fornitura di servizi di gestione di VA. In esso, la SFC e l'HKMA hanno riaffermato la loro opinione che i prodotti relativi alle risorse virtuali (compresi i token di sicurezza) possono essere considerati prodotti complessi, quindi la loro distribuzione rispetterà i requisiti del regime dei prodotti complessi. Con poche eccezioni, gli intermediari possono offrire questi complessi prodotti VA solo a investitori professionali e devono condurre in anticipo controlli sui precedenti dei clienti su VA. Inoltre, solo i rivenditori di tipo 1 possono offrire servizi di gestione patrimoniale virtuale presentando ai clienti un VATP con licenza SFC o creando un account omnibus per un VATP con licenza SFC. Al momento in cui scrivo, un solo VATP, ovvero OSL, è stato autorizzato dalla SFC ed è quindi attualmente l'unica opzione per gli intermediari di Tipo 1 che desiderano offrire servizi di vendita di asset virtuali.1

Separatamente, l'HKMA ha anche emesso la propria circolare (HKMA Circular) il 28 gennaio 2022, affermando chiaramente che agli istituti autorizzati non sarà vietato investire, prestare o consentire ai propri clienti di utilizzare carte di credito o altri pagamenti. servizi per l'acquisto di asset virtuali (inclusi security token) soggetti ad un'adeguata gestione del rischio.1

token possono essere collegati alle attività sottostanti registrando digitalmente le risorse e fornendo una rappresentazione graficamente sicura del valore che può essere archiviata e trasferita su un registro distribuito.1

L'attuale sistema di Hong Kong richiede l'emissione di certificati cartacei e l'uso di strumenti di trasferimento cartaceo per determinati titoli. Ai sensi della sezione 144 dell'ordinanza sulle società (Cap. 622), una società deve compilare ed emettere certificati azionari dopo che la distribuzione delle azioni è stata completata. Tuttavia, negli ultimi due decenni ci sono stati tentativi a Hong Kong di passare a un regime di titoli senza carta; Il Securities, Futures and Companies (Amendment) Regulations 2021 (pubblicato dal governo di Hong Kong l'11 giugno 2021) include disposizioni che introducono un regime di mercato dei titoli (USM) non certificato (e quindi paperless), in base al quale gli investitori potranno detenere titoli a proprio nome e senza documenti cartacei. Il regime USM dovrebbe entrare gradualmente in vigore a partire dalla fine del 2022.1

Come accennato in precedenza, l'Advisory Opinion pubblicato dall'FSTB nel maggio 2021 stabilisce un regime di licenza per i VASP, che copre principalmente la licenza di scambi di asset virtuali. Il disegno di legge di modifica dovrebbe essere presentato al Consiglio Legislativo nella sessione legislativa 2021/22.1

Risorse digitali a Hong Kong

Fintech a Hong Kong

Fintech in altri paesi

Ti presentiamo

Avvocati di tecnologia finanziaria a Hong Kong

Ilya Druzhinin

Ilya Druzhinin

Ho oltre 22 anni di esperienza nella pratica legale, la maggior parte dei quali è accompagnata da progetti e-com e fintech

Le lingue: RU EN

Appunti
  1. https://thelawreviews.co.uk/title/the-financial-technology-law-review/hong-kong
Offerta per le startup

Inizio rapido per $ 5K

Puoi avviare la tua piattaforma pagando inizialmente $ 5000 e il resto dopo 6-12 mesi se la tua attività cresce